Quali sono gli strumenti per farti trovare dal tuo cliente tipo?

BLULogo-Inbound-Marketing-MAA19-Copywriter

Quali sono gli strumenti per farti trovare dal tuo cliente tipo?

Come promesso, non ti sei liberato di noi! Siamo tornati dalla Marketing Automation Academy ricchi di nuove nozioni e soluzioni da applicare nel quotidiano.

Dopo tre giorni intensi di teoria, passiamo alla pratica: addentriamoci insieme per scoprire quali sono i dettagli che possono fare la differenza nella tua strategia di Inbound Marketing.

Se stai leggendo questo articolo sono due le strade che hai percorso per arrivare da noi:

  1. Conoscevi già il nome del nostro brand, quindi sei un cliente fidelizzato;
  2. Hai inserito nel motore di ricerca una/più parole chiave che ti hanno permesso di conoscere la nostra realtà.

In entrambi i casi, hai fatto la stessa strada, tracciata da noi. I contenuti del nostro sito sono stati ritenuti interessanti e rispecchiavano ciò che cercavi.

Regola numero uno consolidata alla MAA2019: content is king.

La scrittura regna sovrana!

Partiamo dall’ultimo concetto appreso nel paragrafo precedente: il primo passo per sviluppare un piano efficace è la creazione di contenuti, il tuo punto di forza per attirare lead e prospect e per mantenere un rapporto costante e continuo con i clienti già acquisiti.

Questa volta gioco in casa perché parlare di ciò che amo dovrebbe riuscire a fare appassionare anche il più pigro dei lettori.

Fin qui tutto bello, strepitoso… ma tu ti starai chiedendo -giustamente- nella pratica di che cosa posso parlare nel mio sito/blog/rubrica o giornale? Iniziamo a dire che cosa non dovresti fare di comune a tutti i settori.

Sicuramente ha poca utilità scrivere contenuti di getto, poco ragionati e specialmente non riletti.

Inoltre, ha poca efficacia produrre testi quando non si conosce il proprio pubblico di riferimento.

Nel mio caso, trattando una tematica come quella del Digital Marketing, ovviamente non posso riferirmi alla mia dolce nonna, che seppur provando tanto amore nei miei confronti non è certamente interessata ai miei argomenti.

Ho la consapevolezza di dovermi riferire ad aziende che hanno necessità di navigare un mare del web (molto spesso sconosciuto) e di utilizzare un linguaggio semplice, capace di non sminuire quello che sto trattando, che mi mostri esperta in materia ma che faccia anche comprendere quello di cui sto parlando.

Sembra facile, vero? Eppure, lo scoprirai a tuo tempo, non è proprio così!

 

Quali contenuti creare?

Benissimo, abbiamo detto che cosa non si dovrebbe fare. Ma come vai avanti ora?

Step numero uno: inizia a metterti nei panni del tuo cliente tipo, chiedendoti di che cosa può aver bisogno per arrivare a te.

In questa fase devi essere bravo/a ad identificare i suoi bisogni quotidiani. Fingi di essere tu stesso il customer più esigente della storia, ti permetterà di raggiungere i risultati tanto sperati!

 

Step due: dopo aver riconosciuto e conosciuto le molteplici tipologie del tuo cliente tipo devi imparare a immedesimarti in ognuna di esse.

La parte più difficile del nostro percorso insieme. Perché? Richiede sicuramente studio, pazienza, empatia e prevede errori.

Una volta che sarai capace di pensare come loro però potrai redigere i contenuti migliori e di qualità adatti al tuo pubblico.

Focalizzati sui problemi quotidiani che quest’ultimo deve risolvere: come puoi aiutarlo? Come possono le tue conoscenze approfondite in materia rendergli la vita più facile?

Rispondi a queste domande iniziando a scrivere. Dovrai porti diversi quesiti che ti permettano di realizzare un piano editoriale strategico ed efficace, in modo che tu non ti senta mai impreparato.

Non ti è mai capitato di finire su un sito – apparentemente interessante- che ti presenta i suoi prodotti con nozioni fin troppo tecniche, non comprensibili a noi poveri comuni mortali?

Che azioni hai compiuto dopo averle lette? Al 99% hai abbandonato l’e-commerce, andando da un competitor.

Come scrivere per il blog

Poniti un unico grande traguardo: gli articoli e i contenuti presenti nel tuo blog non devono invogliare il cliente all’acquisto oppure ad accettare l’erogazione di un servizio proposto dalla tua azienda.

Se qualcuno è intenzionato a farlo, lo farà da solo. Hai già ricavato il primo imperativo per scrivere online: non proporre contenuti pubblicitari e commerciali.

Educa l’utente, devi essere fonte di aiuto e sostegno: trasforma il tuo sito da una semplice vetrina ad una vera e propria fonte di sapere e informazione, orientato all’informalità.

Utilizza un linguaggio semplice e diretto, ti aiuterà a cogliere buona parte del tuo target: ricorda che nella maggior parte dei casi parli con persone che potenzialmente potrebbero essere interessate a quello che offri ma per loro è ancora un mondo lontano, sconosciuto ed inesplorato.

Inoltre, dopo aver aggiunto tutta la descrizione necessaria, ricorda che anche l’occhio gioca la sua parte.

Stupisci i tuoi visitatori con componenti grafiche accattivanti: possono essere semplici immagini, capaci di invitare alla lettura oppure brevi video, infografiche o podcast formativi.

Nell’epoca delle nuove tecnologie abbiamo a disposizione infiniti strumenti per raggiungere il nostro cliente tipo. Solo noi dobbiamo scegliere come e quali utilizzare!

 

Ora è tutto nelle tue mani! Hai bisogno dell’aiuto degli esperti? CONTATTACI!